Inesistenti: “Its beauty and its originality”

There are records that you discover by pure chance… on the internet. And this is maybe one of the few positive notes that I personally find in the arrival of the web in the music world: being able to have access to artists who otherwise would have been almost in our country unknown, alas. Here is a record that, for its beauty and its originality, deserves to be listened to. It is, without a doubt, among one of the best blues album that has been produced these days. […]

Ci sono dischi che scopri per puro caso… nella rete e forse questa è una delle poche note positive che trovo, personalmente, nell’avvento di Internet nel mondo della musica: poter aver accesso ad artisti che altrimenti, nel nostro paese, sarebbero stati pressoché sconosciuti, ahimè. Un disco che per bellezza e originalità merita di essere ascoltato e senza dubbio annotato fra le cose migliori che il blues abbia prodotto in questo periodo. […]

Perhaps the greatest merit of the project is the humility with which this collaboration has been done, without any musician ever wanting to overdo it. […] Fifteen pieces, ranging from traditional songs like Glory Glory Hallelujah, to songs written by the Americian artists involved, such as the wonderful That Girls Is Bad by Burnside or songs that have made the history of the blues like Muddy Waters’ Rollin ‘and Tumblin.  […]

Forse il merito più grande del progetto è l’umiltà nel collaborare nell’incisione, senza voler mai strafare. […] Quindici pezzi che vanno da branii tradizionali, Glory Glory Hallelujah, a pezzi degli artisti americani coinvolti, come la stupenda That Girls Is Bad di Burnside, ma anche a brani che hanno fatto la storia della musica blues come Rollin’ and Tumblin’ di Muddy Waters. […]

The record exudes passion and skill, intense but not easy. The songs are often long sessions with a signature groove and hypnotic sound, with percussion on the shields. The touch that the hurdy-gurdy gives to the whole album is the extra present. The fusion of two traditional musics does not distort them. On the contrary, they are improved, giving us the greatest result obtained by the French combo.  […]

Un disco che trasuda passione e bravura, intenso ma non facile. Le canzoni sono spesso delle lunghe sessions che fanno del groove e del suono ipnotico il marchio di fabbrica, con le percussioni sugli scudi. Il tocco che l’hurdy-gurdy dà a tutto l’album è davvero la marcia in più, la fusione di due musiche tradizionali che non si snaturano ma. anzi, si migliorano, regalandoci il più grande risultato ottenuto dal combo francese. […]

If you love quality blues and jazz, you might fall in love with this intense sound, absolutely recommended. Good listening.

Se amate il Blues e il Jazz di qualità, potreste innamorarvi di questo sound intenso, assolutamente consigliato. Buon ascolto.

By Claudio Trezzani. Read the full review (in Italian), on Inesistenti